Archive for 10 marzo 2012

Proviamo a lavorare un po’ con la fantasia…

Stavolta parlerò di fantasia ma con un focus diverso da quello usuale, una visione meno tradizionale per quanto validissima (e che io ho già tra l’altro presentato senza naturalmente pretese di esaustività essendo un tema sul quale sono stati scritti numerosi studi critici…). Ricollegare la tematica della fantasia al problema del Masterplan come morte di una capacità di pensare ad un mondo diverso, di uscire dall’inesorabilità di un modello di sviluppo che vuole solo se stesso e che si avvita nella logica di tanti “passi” da farsi per raggiungere l’obbiettivo”…Cercherò nei limiti di questo spazio di considerare l’uso dell’immaginazione in queste prassi operativo-progettuali non come una fantasia strana, una sorta di perversione…certo non sessuale (il termine veniva un tempo usato in psicanalisi con questo significato…) ma nel modo di “rappresentarci in chiave simbolica il mondo”….(morte della fantasia come libertà).

Continua a leggere

Assessore Tabacci: la terza pista di Malpensa non serve

Quello che è emerso dalle dichiarazioni dell’assessore al bilancio del Comune di Milano Tabacci, ovvero che la terza pista di Malpensa non serve [LEGGI], è sensazionale e per almeno due motivi:

1) emerge un problema cruciale: il futuro di un parco bellissimo, che con questo intervento infrastrutturale morirebbe. Ne vale la pena? Dalle dichiarazioni pare di no. Se le ragioni dell’economia spingono a dichiarazioni di questo tipo, è certamente perchè il progetto non tiene. Forse non si parte in queste dichiarazioni dalla questione ambientale, ma vi è in un qualche modo inclusa.

2) si prospetta una visione d’insieme per l’area metropolitana milanese, dove non può più valere il principio di rinaturalizzare alcune aree degradate in città e poi cementificare il più possibile, cancellando aree di grande pregio naturale. L’accenno a Montichiari è significativo, il problema della dispersione degli aeroporti nel Nord non varrebbe per l’area metropolitana milanese (l’area più piccola ha quasi 4 milioni di abitanti, quella più vasta raggiunge i 7milioni). Quattro aeroporti possono sostenere ragionevoli previsioni di traffico.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: