Resoconto CampoGaggioNove

Ogni anno, il fine settimana in cui si svolge il Campo Gaggio è sempre diverso dai precedenti, di anno in anno infatti tutto cambia. E la nona edizione non è stata da meno.

Via Gaggio ci ha ospitato anche quest’anno, e noi l’abbiamo presidiata volentieri. 

Il meteo la fa sempre da padrone, questa volta dal caldo torrido è passato ad un temporale pomeridiano fino ad un bel nubifragio a tarda notte. Ma l’accampamento ha retto senza grossi problemi.

Quel che conta è senza dubbio l’atmosfera che aleggia intorno al campo, tante le persone che passando in Via Gaggio si fermano a chiedere informazioni o se ci sono petizioni o osservazioni da firmare, perchè lo spauracchio della terza pista è sempre lì. E poi gli abituè che passano pressoché quotidianamente e che vedendo la tenda e i gazebo sanno già che “sono quelli di Viva Via Gaggio”.

Dopo nove anni, tutto sommato, uno potrebbe immaginarsi una certa monotonia, una ritualità che si ripete da parecchio. Eppure no. Perchè la visita guidata in notturna ti offre visioni e paesaggi particolari mai visti così come l’assemblea dei Comitati e delle Associazioni ti offre ogni volta problematiche nuove (sigh), nuovi spunti di riflessione, nuove collaborazioni e ti da la possibilità di rivedere vecchi amici.

Nel caso concreto durante l’Assemblea di quest’anno ci siamo concentrati sull’analisi delle documentazione predisposta per la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale VIA Regionale partita qualche giorno fa, riguardante il collegamento ferroviario T2 – Linea del Sempione che interesserà direttamente i Comuni di Somma Lombardo, Casorate Sempione, Cardano al Campo e Gallarate.  Con gli amici del Comitato per la Salvaguardia della Brughiera di Casorate, i Comitati del Milanese, Legambiente Gallarate e i rappresentanti della Lipu abbiamo concordato il metodo per predisporre le osservazioni che dovranno essere presentate entro il prossimo 8 Settembre in Regione Lombardia.

Abbiamo discusso circa la suddivisione degli argomenti tra le varie associazioni e gli approfondimenti di alcune “matrici”, in particolare con il coinvolgimento di professionisti in grado di aiutarci ad seguire alcuni aspetti relativamente allo Studio di Impatto Ambientale predisposto per la procedura di VIA.

Il far partire la procedura di VIA a Luglio, avendo 30 giorni per la pubblicazione e altri 30 giorni per stendere le osservazioni (60 giorni in tutto), sapendo che sono mesi di vacanza e in cui gli Uffici Comunali sono a ranghi ridotti, è un colpo basso da parte dei proponenti e da parte di Regione Lombardia.

Una vera e propria scorrettezza nei confronti del territorio, dei suoi rappresentanti istituzionali e dei suoi cittadini che dovrebbero essere coinvolti e facilitati nel percorso partecipativo della VIA e che invece oggi devono fare anche fatica a scaricare i documenti predisposti e dovranno preoccuparsi di fare le osservazioni nel periodo estivo. Purtroppo questo è.

Vogliamo però invece fare alcuni ringraziamenti: in primis al neo Sindaco di Lonate Pozzolo, Nadia Rosa e all’Assessore Luca Perencin che sono passati  dal Campo Gaggio e hanno preso parte ai lavori dell’Assemblea.

Al nostro carissimo amico Ambrogio Milani, con cui abbiamo condiviso la merenda sabato pomeriggio proprio durante l’acquazzone estivo.

Un ringraziamento agli enti che hanno patrocinato il Campo Gaggio: Parco del Ticino, Comune di Lonate Pozzolo ed Ecomuseo della Brughiera e di Via Gaggo.

Un grazie di cuore a chi ci aiuta nel preparare il Campo Gaggio e a smontare il tutto alla domenica pomeriggio, alle mamme che lavorano nell’ombra e preparano il pranzo della domenica e a tutte quelle persone che in questi giorni sono passate a salutarci o si sono fermate per chiedere cosa possono fare per tutelare questa zona.

L’anno prossimo saranno dieci anni di Campo Gaggio…un bel traguardo, vogliamo continuare a vivere così il nostro luogo del cuore!

A tempo debito ci penseremo, ora rimaniamo tutti concentrati sulle osservazioni da preparare con gli amici di Casorate. Continuate a seguirci, a breve avremmo ancora bisogno dell’appoggio di tutti voi.

 

 

Annunci

Campo Gaggio 9

E l’emozione è sempre quella della prima edizione.

Un presidio pacifico, una vicinanza e una condivisione che si fanno protezione. Che ci legano ad un luogo, ad un momento per sempre.

Vi aspettiamo il 14 e 15 Luglio – Evento FB

CALL TO ACTION con Legambiente Lombardia

Legambiente Lombardia ha chiesto a comitati ed associazioni del territorio lombardo di segnalare problematiche, proposte o richieste da far pervenire alla nuova Giunta Regionale.

L’obiettivo è quello di mantenere alta l’attenzione su tutta una serie di realtà territoriali dove l’azione e l’impegno di Regione Lombardia è fondamentale.

Come Associazione, abbiamo deciso di accogliere l’invito che Legambiente ha rivolto e abbiamo predisposto il documento che vi postiamo qui sotto.

Oggetto della nostra missiva: la richiesta avanzata nel 2011 da parte del Parco del Ticino per l’istituzione del nuovo SIC/ZPS “Brughiere di Lonate e Malpensa” che proprio Regione Lombardia in questi anni ha snobbato, volutamente, perchè troppo impegnata a sostenere, senza se e senza ma, lo sviluppo incondizionato e incontrollato dell’aeroporto di Malpensa.

Insistiamo ancora una volta sull’importanza di questi riconoscimenti, augurandoci che i vertici della Regione prendano finalmente posizione e lo facciano veramente nell’interesse della salvaguardia del nostro prezioso territorio.

 

L’Associazione Viva Via Gaggio supporta e ha supportato la richiesta presentata dal Parco del Ticino nel 2011 di istituire, ai sensi delle Direttive 92/43/CEE “Habitat” e 79/409/CEE “Uccelli”, un Sito di Interesse Comunitario (SIC) e una Zona a Protezione Speciale (ZPS) dal nome “Brughiere di Malpensa e di Lonate Pozzolo”.

Il supporto è stato dato attraverso un progetto denominato “Un Sic è per Sempre” che ha visto organizzare visite guidate ai vari ambienti interessati dal progetto oltre a convegni e momenti di studio in collaborazione con l’ufficio Rete Natura 2000 del Parco del Ticino. https://vivaviagaggio.wordpress.com/un-sic-e-per-sempre/

Inoltre come Associazione nel  Maggio 2014 siamo stati in audizione alla VIII Commissione Agricoltura, Montagna, Foreste e Parchi di Regione Lombardia, competente in materia per quanto riguarda gli aspetti ambientali relativi ai parchi naturali e alle riserve naturali, per presentare la proposta del Parco del Ticino.


Di fronte all’inerzia di Regione Lombardia, il Parco si è rivolto direttamente al Ministero dell’Ambiente, il quale però, verso la fine del 2016, ha rispedito la questione nuovamente a Regione Lombardia, invitandola ad attivarsi visto il grande valore ambientale dell’area. 

La documentazione scientifica redatta dal Parco del Ticino a supporto della proposta ed aggiornata dal 2011 ad oggi ha messo in evidenza come le specie tutelate dagli Allegati delle Direttive  92/43/CEE “Habitat” e 79/409/CEE “Uccelli” siano in forte aumento così come sono in aumento gli esemplari all’interno di determinate specie e famiglie tutelate sempre dalle Direttive.

Siamo di fronte ad una proposta, quella del Parco del Ticino, che va nella direzione di salvaguardare un immenso patrimonio di biodiversità non solo per la presenza di specie rare e protette, ma anche perché la Brughiera di Malpensa costituisce la più vasta e ben conservata brughiera a sud della catena delle Alpi.

Spetta alla Regione Lombardia, Regione competente territorialmente, avanzare alla Commissione Europea la richiesta ufficiale  per l’istituzione di un nuovo Sito di Interesse Comunitario.

Vorremmo quindi sapere se la nuova Giunta Regionale si impegnerà concretamente e con decisione, procedendo finalmente a dare la valutazione richiesta e dimostrando così di voler valorizzare il nostro territorio.

Un riconoscimento per il progetto LifeTib

Nel corso di questi ultimi anni, in ogni occasione abbiamo parlato di quanto fosse importante per un sistema verde come quello del Parco del Ticino implementare e rafforzare la Rete Ecologica, seguendo le direttrici Nord-Sud ma anche Est-Ovest e creando nuove connessioni tra le zona verdi.

La Rete Ecologica è vita, permette di creare legami, mette in comunicazione. E se per caso ci sono zone dove il collegamento è frammentato, l’uomo può intervenire con dei progetti mirati per rafforzare queste connessioni.

Con queste premesse, quindi, è stato possibile immaginare e soprattutto realizzare un corridoio che collega il Campo dei Fiori (sistema naturale prealpino e alpino) con il Parco del Ticino (sistema naturale fluviale della pianura). Oggi questo progetto è stato riconosciuto e premiato!

Continua a leggere

L’arte di Ambrogio Milani, nella tesi di Chiara Casciaro

Nulla di nuovo andava costruito,

bisognava solamente restaurare ciò che il tempo

e il disinteresse generale avevano distrutto.

Prendiamo in prestito questa frase di Chiara Casciaro per raccontare la presentazione della sua tesi “La raccolta nel bosco. Ambrogio Milani e Via Gaggio” avvenuta la scorsa domenica.

Questa frase racconta il grande lavoro di Ambrogio Milani, ben descritto da Chiara nella tesi conseguita presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte.

In molti modi nel corso degli ultimi decenni Via Gaggio è stata raccontata, descritta, illustrata e fotografata, ma mai nessuno aveva approfondito così scrupolosamente e con competenza l’aspetto di Via Gaggio quale “museo a cielo aperto”.

La relazione di Chiara è stata davvero un viaggio emozionale per tutti noi. Per la prima volta il racconto si è concentrato sul valore dei reperti ritrovati ed esposti secondo precisi criteri, dei cartelloni scritti a mano scegliendo fino al colore dello sfondo, delle pietre posizionate e incise da Milani.

Un parallelo con le Wunderkammer (stanze delle meraviglie) e con il Museo dell’Ovvio della Fondazione  Museo Ettore Guatelli dove la raccolta di oggetti non è fine a se stessa ma diventa una condivisione delle emozioni e degli usi degli oggetti stessi.

Un messaggio che arriva da ieri e si rivolge all’oggi e al domani.

Esperienze di raccolta di oggetti del passato, che hanno molto in comune con quanto fatto da Ambrogio Milani in Via Gaggio, un vero “costruttore di Babele” che con le proprie opere vuole lasciare testimonianza per le generazioni odierne e future.

Quei reperti, quei cartelli, con una scrittura “naif”  fatti a mano, le fotografie storiche che raccontano tempi passati e infine un nuovo concetto di museo…tutto condensato in Via Gaggio.

Un pomeriggio veramente interessante che ci piacerebbe riproporre, per cui continuate a seguirci per avere tutti gli aggiornamenti.

Un ringraziamento va a Periferia Sociale che ci ha ospitato nella sua sede e ha collaborato all’organizzazione dell’evento.

Un secondo ringraziamento va a Chiara Casciaro per averci coinvolto quando la tesi era solo un’idea nella sua mente e per averci fatto trascorrere un pomeriggio veramente unico ed eccezionale.

Un ultimo ringraziamento, ma non per importanza, ad Ambrogio Milani per essere semplicemente se stesso…perchè senza il suo lavoro noi non esisteremmo nemmeno.

 

 

Via Gaggio in una tesi

“La raccolta nel bosco”

Ambrogio Milani e la Via Gaggio

Questo è il titolo della Tesi di Chiara Casciaro, lonatese, che si è laureata lo scorso 23 Novembre 2017 presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Corso di Comunicazione e didattica dell’Arte con la votazione di 110 e lode.

Il prossimo 15 Aprile a partire dalle 17.00 in collaborazione con Periferia Sociale, Chiara presenterà la sua tesi.

Siete tutti invitati a partecipare…vi aspettiamo!

Qui l’evento fb

 

Le Babylonish al 50° della Biblioteca di Lonate

Il prossimo fine settimana, oltre alla Camminata di Primavera, a Lonate Pozzolo ci sarà un compleanno molto importante: il 50° anniversario della Biblioteca di Lonate Pozzolo 1968-2018 che sarà intitolata al N.H. Gian Domenico Oltrona Visconti.

Tra i vari appuntamenti previsti siete tutti invitati a partecipare a:

” Armoniche (con)fusioni:

donne fra musica e letteratura”

Un viaggio nella musica e nella letteratura femminile dal 1931 ad oggi.

Un concerto a cura dell’Ensamble musicale BABYLONISH

 con la partecipazione del maestro Nicola Tacchi.

Vi aspettiamo SABATO 24 MARZO 2018 alle 21.00 presso la Sala Ulisse Bosisio del Monastero San Michele di Lonate Pozzolo (ingresso da Via Cavour).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: