Posts Tagged ‘Via Gaggio’

L’ultima Brughiera?

Per conoscere, per comprendere e per esprimere il nostro SI alla Brughiera! 

Perchè a differenza degli altri noi entriamo #nelmerito

L’associazione Viva Via Gaggio con la collaborazione di RCM Rete Comitati Malpensa organizza per Domenica 30 Agosto una visita guidata alla zona interessata dal Master Plan 2035. I partecipanti saranno accompagnati a vedere le zone di bosco e di brughiera che saranno cancellate per fare posto a 2 nuovi piazzali per i cargo, 3 moduli magazzini cargo di prima linea e 3 edifici di supporto alla logistica oltre allo spostamento del tracciato della S.P. 14 Via Molinelli. L’occasione sarà anche utile per presentare in anteprima l’habitat naturale della “Ex – Brughiera” una novità assoluta, nel panorama scientifico botanico italiano ed europeo, tra gli habitat naturali che SEA si è inventato di sana pianta. Sigh! Un Habitat naturale che viene inventato solo per dire che va cancellato per sempre e distrutto in maniera irreversibile. Sarà anche l’occasione per sottoscrivere le osservazioni al Master Plan che scadranno, salvo diverse indicazioni ministeriali, il prossimo 5 Settembre.

Nel volantino qui sotto, tutte le informazioni per partecipare!

 

VIA e VAS, tu chiamale se vuoi differenze (sostanziali!)

Pubblichiamo, in continuità con il precedente post relativo al Nuovo Master Plan 2035, le definizioni e le indicazioni giuridiche e normative relative alla Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. e alla Valutazione di Impatto Ambientale Strategica V.A.S.

Continua a leggere

Master Plan nuovo, problemi vecchi!

Abbiamo appreso dalla stampa che SEA ha presentato in anteprima alcune slide del Nuovo Master Plan 2035 e che molto probabilmente nelle prossime settimane tutti i cittadini potranno consultare il nuovo progetto.

Continua a leggere

Biosfera, Mab e speranza…

“Finché c’è biodiversità (e il MAB) c’è speranza”. Un titolo, o proprio un programma direbbe qualcuno. Se ve lo siete persi ecco un resoconto veloce di quanto è stato raccontato il 23 Gennaio a Lonate Pozzolo.

Continua a leggere

Scendiamo in Valle

Carissimi amici, come state? In questi anni vi abbiamo invitato a tante visite guidate in Via Gaggio e alla scoperta della Brughiera, ma siamo sempre rimasti sul cosiddetto pianalto.

Invece il prossimo 30 Giugno, SCENDIAMO IN VALLE!

Accompagnati da Ambrogio Milani e dal nostro Walter, andremo alla scoperta della vallata del Ticino, percorrendo il tratto della Via Gaggio che arriva in riva al fiume. Ritrovo alle ore 14:30 presso il parcheggio adiacente il Centro Parco Ex Dogana Austroungarica di Lonate Pozzolo, località Tornavento (ingresso da Via del Gregge).
Vi invitiamo a indossare scarpe comode.

Inoltre viste le alte temperature vi consigliamo di indossare un cappello e di portare con voi l’acqua da bere!

Non mancate!

 

La tribù della strada del Gaggio

Decidi di fare la Camminata di Primavera e il clima è decisamente primaverile.

Decidi di ripercorrere una strada storica e particolare che è stata luogo di incontro per contadini, lavoratori, operai, aviatori, militari… per immaginare incontri sempre nuovi e attraverso “l’Abbecedario della mia tribù” gli incontri diventano storie, racconti e volti.

Non potevamo desiderare una camminata di primavera diversa da quella che è stata, speciale.

Grazie a 4EXODUS e ai suoi ragazzi e alla scrittrice Arianna Obinu, grazie alla strada del Gaggio che ha fatto da sfondo “interessato” a questi incontri, grazie a tutti i partecipanti!

 

31 marzo ~ Primavera di Incontri

La strada è un luogo di incontri per antonomasia. Nelle strade si incrociano storie e destini di tantissime persone.

La strada del Gaggio era un luogo di incontri nel passato e lo è ancora oggi.

Ma c’è una cosa particolare che distingue “le strade” dagli altri luoghi di incontri.

La strada non ti fa domande, non ti chiede chi sei, non chiede conto del colore della tua pelle, non ti chiede da dove arrivi e dove stai andando.

Per questi motivi abbiamo pensato fosse interessante coinvolgere l’associazione 4Exodus nell’organizzazione della Camminata di Primavera del 2019 e darci la possibilità di incrociare persone, destini e volti. Siamo tutti una tribù…che si incontra lungo la strada del Gaggio.

VI ASPETTIAMO

P.S.

Ciao a tutti. Domenica portate con voi un telo, lo useremo per sederci ed ascoltare la presentazione del libro quando al termine della camminata ci fermeremo al Paraschegge.

 

13 Gennaio TUTTI al San Michele

Il Comune di Lonate Pozzolo Assessorato alla Cultura, l’Associazione Viva Via Gaggio e l’Ecomuseo della Brughiera e di Via Gaggio desiderano invitarvi il prossimo 13 GENNAIO alla presentazione della tesi “La raccolta nel bosco: Ambrogio Milani e la Via Gaggio”.

Appuntamento per le 16.00 presso la Sala Bosisio del Monastero di San Michele in Via Cavour 21 a Lonate Pozzolo con ingresso da Via Cavour o dal Parco Bosisio.

Campo Gaggio 9

E l’emozione è sempre quella della prima edizione.

Un presidio pacifico, una vicinanza e una condivisione che si fanno protezione. Che ci legano ad un luogo, ad un momento per sempre.

Vi aspettiamo il 14 e 15 Luglio – Evento FB

L’arte di Ambrogio Milani, nella tesi di Chiara Casciaro

Nulla di nuovo andava costruito,

bisognava solamente restaurare ciò che il tempo

e il disinteresse generale avevano distrutto.

Prendiamo in prestito questa frase di Chiara Casciaro per raccontare la presentazione della sua tesi “La raccolta nel bosco. Ambrogio Milani e Via Gaggio” avvenuta la scorsa domenica.

Questa frase racconta il grande lavoro di Ambrogio Milani, ben descritto da Chiara nella tesi conseguita presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte.

In molti modi nel corso degli ultimi decenni Via Gaggio è stata raccontata, descritta, illustrata e fotografata, ma mai nessuno aveva approfondito così scrupolosamente e con competenza l’aspetto di Via Gaggio quale “museo a cielo aperto”.

La relazione di Chiara è stata davvero un viaggio emozionale per tutti noi. Per la prima volta il racconto si è concentrato sul valore dei reperti ritrovati ed esposti secondo precisi criteri, dei cartelloni scritti a mano scegliendo fino al colore dello sfondo, delle pietre posizionate e incise da Milani.

Un parallelo con le Wunderkammer (stanze delle meraviglie) e con il Museo dell’Ovvio della Fondazione  Museo Ettore Guatelli dove la raccolta di oggetti non è fine a se stessa ma diventa una condivisione delle emozioni e degli usi degli oggetti stessi.

Un messaggio che arriva da ieri e si rivolge all’oggi e al domani.

Esperienze di raccolta di oggetti del passato, che hanno molto in comune con quanto fatto da Ambrogio Milani in Via Gaggio, un vero “costruttore di Babele” che con le proprie opere vuole lasciare testimonianza per le generazioni odierne e future.

Quei reperti, quei cartelli, con una scrittura “naif”  fatti a mano, le fotografie storiche che raccontano tempi passati e infine un nuovo concetto di museo…tutto condensato in Via Gaggio.

Un pomeriggio veramente interessante che ci piacerebbe riproporre, per cui continuate a seguirci per avere tutti gli aggiornamenti.

Un ringraziamento va a Periferia Sociale che ci ha ospitato nella sua sede e ha collaborato all’organizzazione dell’evento.

Un secondo ringraziamento va a Chiara Casciaro per averci coinvolto quando la tesi era solo un’idea nella sua mente e per averci fatto trascorrere un pomeriggio veramente unico ed eccezionale.

Un ultimo ringraziamento, ma non per importanza, ad Ambrogio Milani per essere semplicemente se stesso…perchè senza il suo lavoro noi non esisteremmo nemmeno.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: