Incontro con la Commissione Via/Vas – 2

Nel pomeriggio invece è toccato a SEA e Enac in qualità di proponenti dell’opera rispondere alle domande ed istanze del mattino.

In primis Cardi (Enac) ha ribadito che non ci si vuole assumere la responsabilità di cambiare le regole dell’aviazione per poter usare in contemporanea le piste. Uso che è per esempio usato negli Stati Uniti d’America. Ha difeso la scelta della VIA concordata con il Ministro Prestigiacomo. Ha rimarcato come il traffico aereo è comunque in rialzo per cui la previsione del Master Plan e la relativa realizzazione della Terza Pista sono necessarie.

Pirani (SEA) ha confermato la necessità della Terza Pista dicendo che già oggi il traffico su Malpensa è quasi alla saturazione (si dimentica dei 24 milioni di passeggeri del 2007) e che quindi con il raddoppio del traffico la terza pista servirà per snellire i sorvoli e gli atterraggi per cui si eviterà la saturazione. Annuncia in maniera poco convinta che comunque anche con 50-70 milioni di passeggeri l’impatto del traffico sulle nostre strade sarà quasi nullo e che non ci saranno problemi. Si dimentica che nel Master Plan è scritto nero su bianco che la S.S. 33 del Sempione e la Milano Laghi andranno al “collasso”.

Falsina (SEA) ha invece affrontato la questione del sorvolo su Nosate e Turbigo, confermando anche che queste zone non saranno impattate dal rumore. Ha difeso le migliorie tecniche sugli aerei dicendo che oggi sono meno inquinanti e meno rumorosi. Sui problemi della salute si è solo soffermato su una frase di un documento più ampio della ASL, dove si evince che a oggi non è dimostrato un nesso di causalità tra l’inquinamento degli aerei e i tumori. Questo potrebbe anche essere vero, sta di fatto che non ha spiegato come mai, gli studi della Asl sui dati sanitari e altri studi sanitari non siano presi in considerazione dal Master Plan.

Sipoli (ERM che ha realizzato alcune parti del Master Plan) ha smentito che Malpensa incide tanto sull’inquinamento atmosferico della zona. Anzi ha affermato (smentendosi da solo) che dopo il dehubbing, la qualità dell’aria è migliorata! Certo sono diminuiti i voli!

Barlocco (SEA) ha affermato che terranno in considerazione l’eventuale riconoscimento della zona della Brughiera come Area SIC (ignorando che le due cose Master Plan e Area SIC non possono coesistere). Ha inoltre affermato che quanto era previsto dal Decreto D’Alema sul punto D, è stato fatto anzi che è stato migliorato quanto diceva il Decreto. Ho sostenuto che SEA ha fatto la sua parte per la riforestazione (ma è stato smentito dai dati pronunciati dal Parco del Ticino) e ha inoltre affermato che quanto non è stato fatto nel Piano del Verde di Malpensa 2000 sarà eseguito nel futuro Piano del Verde relativo al Master Plan di Malpensa.

Dopo alcune precisazioni di Casati e Balzarini è toccato a Maurizio Rivolta chiudere la discussione. Nel suo intervento Rivolta ha fatto notare come le non-risposte di oggi siano state tante e su argomenti sicuramente delicati: la brughiera, la salute, l’inquinamento etc.

E si sa, a volte il silenzio è già una risposta.

Al Dott. Grilli la chiusura dei lavori, con un ringraziamento per il proficuo confronto. Tutto il materiale discusso ieri, proiettato e videoregistrato andrà a fare parte del faldone dei lavori della Commissione.

Commissione che dovrà quindi esaminate le osservazioni e quanto appreso ieri formulare un giudizio di Compatibilità Ambientale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: