A Cesare quel che è di Cesare

“Date a Cesare quel che è di Cesare”. Scusate, amici gaggionauti, se prendiamo in prestito la citazione, ma in questo ultimo mese, anzi più precisamente dal 21 di Marzo, abbiamo assisitito ad uno stravolgimento dei fatti e della verità, che ci ha lasciati con l’amaro in bocca.

Prima considerazione: non ci stiamo autoincensando o autocelebrando (altri sono più bravi di noi a farlo), ma è del tutto evidente che, se non fosse stato per il Comitato Viva Via Gaggio e per la sua tenacia e caparbietà, di sicuro la Commissione Ambiente di Palazzo Marino mai e poi mai avrebbe affrontato il tema del Master Plan di Malpensa. Questo è un punto fermo. Molti soggetti che hanno parlato e trovato più spazio di noi sulla stampa dovrebbero quantomeno riconoscerlo. Invece no: si lamentano del troppo spazio dato in Commissione ai comitati e alle associazioni ambientaliste! Paradossale!

Non ce ne voglia nessuno, ma in Commissione avremmo dovuto intervenire solo noi nella seduta del 21 Marzo come richiedenti della audizione e come era ben scritto nell’ordine del giorno della Commissione, mentre nella “seconda parte” della Commissione dell’11 Aprile la protagonista è stata SEA. Leggere quindi le dichiarazioni apparse ieri da parte del Sindaco Colombo ci fa enormemente arrabbiare, proprio perché viene rappresentata una visione distorta (volutamente distorta) della naturale realtà delle cose.

Non è assolutamente vero quando si afferma che “dopo l’intervento degli ambientalisti nelle scorse settimane, il secondo round sarebbe dovuto essere riservato ai nove Comuni del Cuv”. Così come sospettare che, per colpa della presenza delle associazioni ambientaliste, da Ferno e da Lonate Pozzolo non sia stato mandato nessun rappresentante. Libera interpretazione di chi scrive o magari sfogo del Sindaco di Somma Lombardo Colombo?

Rimane una constatazione “naturale” che sovrintende a queste dichiarazioni: se una realtà ottiene una audizione dove pone delle domande e nella seconda audizione deve ricevere delle risposte, perché ci si meraviglia della presenza di questa realtà ai lavori della Commissione? Gli ordini del giorno, sono semplici frasi messe li tanto per scrivere qualcosa o sono invece il giusto ordinamento delle cose? Come mai si sono svegliati certi personaggi, dopo aver saputo che quei-tizi-là di Viva Via Gaggio hanno chiesto e ottenuto una audizione presso la Commissione Ambiente di Palazzo Marino?

Apriamo una parentesi, è nelle facoltà dei Comitati e delle associazioni, chiedere una audizione, cioè chiedere di essere ascoltati e di ricevere risposte; quindi perché tanta meraviglia se si applicano le regole di democrazia e di partecipazione che esistono?

Sempre dall’articolo, emerge la delusione per aver fatto parlare “un mucchio di interlocutori” e che così facendo “chiamare troppe voci diverse contemporaneamente allo stesso uditorio non sono un vero ascolto”.

Beh, la delusione dovrebbe essere solo ed esclusivamente nostra, visto che già in occasione della prima Commissione dove era prevista la NOSTRA AUDIZIONE abbiamo dovuto ridurre i tempi del nostro intervento per far parlare anche altri come il Sindaco di Somma che invece ne ha approfittato per dire la sua. E si pensi che il Signor Colombo, in quanto Sindaco, ha a disposizione  tavoli e  incontri istituzionali, a cui i Comitati non possono partecipare o intervenire!

Quindi diventa difficile per noi capire l’astio nei nostri confronti. Abbiamo sempre detto e scritto anche su questo blog qual’è il nostro punto di vista. Non siamo vittime della sindrome Nimby e  non siamo nemmeno tra i sostenitori di quelli che vorrebbero chiudere Linate e maagri qualche altro scalo sperando poi che tutti vengano a Malpensa.

Noi pensiamo che ci sia una strada diversa per uno sviluppo di Malpenbsa che sia innanzitutto “compatibile” con il territorio e rispettoso delle regole. In queste settimane in molti si sono lamentati del fatto che Linate operi in deroga rispetto al Decreto Bersani che ne limita la capacità, peccato che ignorino volutamente tutte le violazioni che Malpensa si porta dietro dal 1999!

Noi proseguiremo nella nostra azione con più forza e con maggiore convinzione, poiché siamo certi che la strada intrapresa sia quella da percorrere. Il prossimo obiettivo sarà quello di essere ascoltati da parte di Regione Lombardia. La scorsa settimana abbiamo fatto ufficiale richiesta di audizione alla Commissione Regionale Ambiente, proprio perché vogliamo spiegare anche ai consiglieri regionali tutte le verità del Master Plan. Chissà, magari anche a questa audizione troveremo persone che si lamenteranno della nostra presenza… o che magari si muoveranno politicamente per impedirci di parlare.

Annunci

5 responses to this post.

  1. QUANDO UNA CAUSA E’ NOBILE LO SONO PURE QUELLI CHE LA PERSEGUONO.
    UN FATTO E’ ANCHE QUELLO CHE COME SI DEDUCE DALLA STAMPA GLI ARRESTI E LE INDAGINI IN VARI SETTORI E A TUTTI I LIVELLI HANNO FATTO UN PO’ PENSARE E DESISTERE DA TALUNE AZIONI CERI FIGURI . AVANTI TUTTA.

    Mi piace

    Rispondi

  2. JMMI PASIN SU RADIO POPOLARE OGGI ORE 9.47 ,,,,,,,,EVVIVA VIA GAGGIO

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: