Archive for 14 febbraio 2012

Tuglie chiama Via Gaggio, Via Gaggio risponde

Nel corso di questi due anni di attività, grazie al web, siamo riusciti a portare la nostra battaglia di civiltà fuori dai confini di Lonate Pozzolo (epicentro della devastazione mal pensante annunciata), fuori dalla Lombardia, in tutta Italia e anche fuori dal nostro paese.

Il fatto di aver esportato Via Gaggio in Italia ci ha permesso di ricevere sostegni da molte altre regioni d’Italia e inoltre ci ha permesso di ricevere delle richiesta particolari, come quella che ci è arrivata dalla Puglia, precisamente da Tuglie in provincia di Lecce.

La Chiesa S.S. Annunziata di Tuglie.

Continua a leggere

«La campagna suicida di Malpensa»

Una piacevole sorpresa. Sì, perché, se lo diciamo noi… eh, quelli lì sono di parte. Se, però, lo dice un professionista della comunicazione, allora è proprio vero. [LEGGI il blog di Francesco Vignotto]
Ricordate quella porcata di slogan, di cui avevamo parlato giorni fa? “Coltiviamo il cielo per far crescere il territorio”. [LEGGI] Firma: SEA. Campeggiava – e probabilmente campeggia ancora – sui muri dell’aeroporto di Malpensa. Lo vedemmo e fu difficile per noi restare in equilibrio. Barcollammo. Ma come si può scrivere una porcheria simile? “Coltiviamo il cielo”: con che sostanze? “Far crescere il territorio”: quale territorio? Quello dello Stato Libero di SEA – Malpensa; quello di una proprietà privata e non certo il territorio di tutti, quello dei Comuni attorno all’aeroporto. Otto mesi fa Sea Malpensa ha presentato un progetto che prevede l’espansione dei suoi confini, inglobando e ingoiando 330 ettari (330 campi da calcio) di brughiera del Parco del Ticino. Alla faccia del far crescere il territorio.

Chi è quel genio che ha partorito lo slogan? Non lo sappiamo. All’interno del Comitato WVG ci siamo divisi: c’è chi in quello slogan ha individuato una precisa ricerca, con sofisticate tecniche di mistificazione; altri, invece, l’hanno bollata come schifezza bella e buona. Comunque sia, ora sappiamo che quella propaganda degna di recenti regimi, tristemente ricordati, genera sconcerto anche da parte da altre persone.

Al di là di tutto, care amiche e cari amici, non facciamoci prendere per i fondelli.

…perché la dignità, una volta persa, non si può ricomprare in un ipermercato. Neanche nelle nuove aperture domenicali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: