Confindustria contro terza pista

Leggi qua: http://bit.ly/mxUoPt
Confindustria, hai capito? Non propriamente ambientalisti della domenica.
C’è ancora qualcuno che in buona fede pensa che la terza pista sia cosa buona e giusta?

Gli sponsor della terza pista, Giuseppe Bonomi in primis, dovrebbero ritirarsi in buon ordine, colmi di imbarazzo e di vergogna.

Torneremo a parlare della faccenda.

I cementificatori della terza pista (più capannonicapannonicapannoni) la smettano. Sono più soli di un figlio unico. La smettano di procurare allarme. Vivano e lascino vivere. Basta deliri distruttori.

ARRESTIAMOLI. LORO E I LORO PROGETTI. UNA VOLTA PER TUTTE!

Ecco il comunicato stampa ufficiale, tratto dal sito assaereo.it

Terza pista di Malpensa, opera di dubbia necessita
01/06/2011 15.13.09

COMUNICATO STAMPATerza pista di Malpensa, opera di dubbia necessitàASSAEREO, l’Associazione Nazionale Vettori e Operatori del Trasporto Aereo di Confindustria, rende noto che nel corso dell’odierno Consiglio Direttivo è stata confermata la forte preoccupazione per l’aumento dei costi previsti sugli scali milanesi, che andranno inevitabilmente a gravare sulle compagnie aeree e sui passeggeri, ribadendo contrarietà alla costruzione di una terza pista presso l’aeroporto di Milano Malpensa.

ASSAEREO ha già formalmente evidenziato che le informazioni fornite dalla stessa società SEA S.p.A. nell’ambito delle consultazioni avviate sul Contratto di Programma dimostrano che le attuali due piste, pur in assenza di adeguamenti procedurali e tecnologici, garantiscono la capacità necessaria a gestire efficacemente il traffico previsto fino ad oltre il 2020.

La capacità delle attuali due piste potrebbe essere notevolmente incrementata con nuove procedure di atterraggio e l’adeguamento dei sistemi a supporto alle attività di assistenza al volo. Sono molteplici, infatti, gli esempi nel mondo di scali capaci di gestire, con una o due piste di volo, volumi di traffico ben superiori rispetto all’aeroporto di Malpensa, quale ad esempio lo scalo di Londra Gatwick.

E’ quindi prioritario provvedere ad una gestione più efficiente delle infrastrutture esistenti prima di realizzarne di nuove.

Inoltre, le notizie degli ultimi tempi relative alla decisione di importanti operatori di ridimensionare i collegamenti dallo scalo di Malpensa, sollevano ulteriori dubbi sulla possibilità di rispettare le originarie previsioni di crescita del traffico sul medesimo scalo.

In un contesto di forte criticità del settore, Assaereo rivolge un invito alla società S.E.A. S.p.A. ed alle Amministrazioni competenti ad una più efficiente gestione delle poche risorse disponibili, evitando di gravare ulteriormente sulle compagnie aeree e sui passeggeri.

ASSAEREO

Roma, 1 giugno 2011

 

 

Annunci

One response to this post.

  1. Posted by Paolo Pustorino on 3 giugno 2011 at 10:16 am

    Eddaiiiiii!!!!!

    Siamo in Italia e non sarebbe strano che alla fine con tutti contro, ‘sta terza pista la si fa lo stesso. Semplicemente costerà di più in mazzette che in cemento. Però tutta questa contrarietà si spera porti ad un ripensamento!

    E mentre scrivo sento il canto delle rondini, il cinguettare delle gazze e il rombo dei motori di un aereo in atterraggio. Se mi tolgono anche rondidi e gazze sai che bell’ascoltare…

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: