LUIGI ZARO, POETA

Sabato 19 Marzo, Tornavento di Lonate Pozzolo, serata di poesia. Non la organizza Viva Via Gaggio, ma Via Gaggio c’entra eccome. Sabato 19 Marzo si ricorda l’opera poetica di Luigi Zaro, scomparso cinque anni fa. Luigi Zaro è coautore del celebre libro “Via Gaggio”, di cui WVG ha avuto l’onore di disporre in ogni nostro banchetto della raccolta firme. Aver contribuito a divulgare quell’opera è un vero onore. Viva Via Gaggio si sta battendo perché quei luoghi, di cui si parla nel libro, continuino a esistere non solo su carta, nelle biblioteche e nelle libre, ma anche in rami e foglie, all’aria aperta, nei luoghi naturali attuali.

Viva Via Gaggio esiste anche per continuare nell’impegno di Luigi Zaro. Un bel modo per ricordarlo è partecipare alla serata, in cui protagonista è il tuo talento poetico.

Regista del recital è Luciano Turrici, altro co-autore di “Via Gaggio”, nonché grande amico di WVG. A lui, tutta la nostra gratitudine.

Ecco il comunicato stampa:
Salvo errori & omissioni  – a Lonate Pozzolo
Salone dell’Oratorio di Tornavento – Via Verga-  19 marzo 2011 ore 21.00

Questo recital racconta, salvo errori e omissioni, il percorso artistico-letterario di Luigi Zaro, poeta e scrittore di Lonate Pozzolo,  scomparso nel 2006.

Laureato in lettere e storia, Luigi è forse una delle ultime persone ad avere una solida cultura classica: conosce il greco e il latino e i grandi classici in lingua originale.

Il suo interesse per la storia moderna lo porta ad approfondire  le vicende della resistenza partigiana in questa zona, a scrivere diversi articoli su riviste di storia locale e a collaborare come autore alla pubblicazione di alcuni libri tra i quali il libro sulla storia di Lonate  (1985) e  sul centenario del Ponte di Oleggio (1989), fino all’ultimo libro sulla Via Gaggio ( 2007) del quale cura in particolar modo la parte sulla storia moderna.

Luigi inizia fin dall’adolescenza a scrivere poesie ma non pubblicherà mai i suoi testi.

Da persona schiva e riservata, che non ama mettersi in mostra, userà però una forma particolare per far conoscere le sue rime: libricini ciclostilati in pochi esemplari che regalava agli amici e che questi ultimi oggi conservano come fossero reliquie.

Proprio da quei libricini sono state scelte le poesie che fanno parte di questo recital, utilizzando come criteri l’autobiografia, l’ironia,con la quale spesso cercava di esorcizzare gli inevitabili dolori dell’esistenza., e i numerosi influssi letterari che vanno da Gozzano a Palazzeschi, da Pavese a Caproni (solo per citarne alcuni).

Non una semplice commemorazione dunque, ma un evento culturale che ha l’ambizione di far conoscere ai Lonatesi stessi e oltre i confini di Lonate Pozzolo  la voce di quello che è stato, con ogni probabilità, il maggiore poeta lonatese della seconda metà del ‘900.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: