Un 2010…INSIEME

Mettersi a fare un bilancio del 2010 per Viva Via Gaggio??? Sembrerebbe quasi impossibile.

Punto di partenza è lei Via Gaggio, una strada…si perchè al di là degli aspetti storici e ambientali rimane una strada, ma grazie a Dio sin dai tempi più remoti le strade hanno permesso alle genti e alle popolazioni di muoversi, di incontrarsi, di socializzare.

Ci pensavo ieri sera, molti di noi, tantissime persone pur provenendo da paesi diversi, con vite diverse e sensibilità diverse, tutti noi “insieme” abbiamo incrociato i nostri sguardi, le nostre vite e anche le nostre conoscenze in VIA GAGGIO.

Un grande incrocio di persone, che vanno INSIEME, decidono di fare INSIEME una BATTAGLIA DI CIVILTÁ.

INSIEME è la parola magica che meglio rappresenta questo 2010.

Siamo partiti in pochi per diventare un gruppo più ampio e sempre colorato e civile, rispettoso degli altri. Dispiace sottolineare come non sempre invece abbiamo ricevuto lo stesso trattamento…ma fa nulla. Dobbiamo guardare avanti, dobbiamo andare avanti nella nostra battaglia.

Lungo VIA GAGGIO, abbiamo incontrato e conosciuto moltissimi amici, sarebbe impossibile ora farne l’elenco, rischieremmo di dimenticarne qualcuno…

Per questo è doveroso un

GRAZIE di CUORE a TUTTI VOI, amici e amiche di VIA GAGGIO

Così come è giusto AUGURARE ad ognuno di voi di passare e vivere un 2011 sereno e felice, continuando INSIEME a lottare nella nostra battaglia di civiltà, sempre con lo sguardo verso il futuro e verso le future generazioni.

VIA GAGGIO NON È NOSTRA È DEI NOSTRI FIGLI E DELLE GENERAZIONI FUTURE, CHE CI CHIEDONO A GRAN VOCE DI DIFENDERLA E DI PROTEGGERLA DAL CRIMINE AMBIENTALE DELLA TERZA PISTA.

Buon 2011 a tutti!!!

Annunci

One response to this post.

  1. Posted by Balice Nicola on 14 gennaio 2011 at 11:18 pm

    Possiamo cercare di fare un resoconto o un bilancio di questo 2010 passato insieme, ma una cosa mi pare di poter dire; è stata un’esperienza umana, profondamente umana, di confronto, ma anche di voglia di dare un piccolo contributo alla causa di Via Gaggio. Come già detto in altre occasioni, le grandi rivoluzioni nascono da cose piccole, gente con una vita normale e le proprie preoccupazioni, che si ritrova per dire la propria e per far vincere la causa della legalità, in un territorio già in parte segnato da una Malpensa che si è fagocitata centinaia di ettari di brughiera in passato. Atro che eco-invasati nemici del progresso! Siamo ormai nella situazione di una Malpensa e di un Parco che convivono, laddove il primo sembra far da padrona nonostante l’inutilità di un progetto così invasivo (vd ampliamento aeroporto). Mi viene in mente un’immagine, la serata della camminata del bambin il 18 dicembre scorso eravamo infreddoliti ma entusiasti, la brughiera intorno e una sensazione…..resisterà la “nostra storia”, alle pretese di chi vuole speculare su di essa e, venderci il “tutto servito” di un’omologazione culturale, ove le idee si comprano e vendono al mercato come oggetti imposti da un sistema di produzione “capitalistico” (ovvio che la prospettiva non vuole essere comunista o scoialista ma umana)? In quest’anno passato abbiamo fatto del discorso democratico la nostra ragion d’essere, un’arma a doppio taglio, far parlare chi la pensa in modo diametralmente opposto da noi e al tempo stesso partire da un presupposto; ritenere di parlare nel giusto affermando i diritti delle nostre comunità ad un territorio sano (che si può certo modificare, ma mai stravolgerlo, essendo questo il principio di un’economia “ecosostenibile” che scommette sul capitale “ambiente”). Già perchè essere “democratici” significa “piegarci” all’altro, ma lottare al tempo stesso affinchè alcuni dei principi che noi riteniamo “intoccabili” non vengano violati. Purtroppo non abbiamo notato dall’altra parte la stessa disponibilità ad accogliere lo stesso principio (che sta a monte del discorso democratico in quanto tale); quello di ascoltare le nostre ragioni con quel tanto di umiltà che è necessario per non far fallire il “confronto dialettico”. Vorrei concludere con una considerazione che non vuole essere polemica; in antropologia (e non solo) si suole sostenere l’idea che la verità in senso assoluto non esiste (la verità “si fa”, siamo di fronte al fondamento del “relativismo culturale”). Ebbene, questa affermazione che vede tutti d’accordo, è giusta nella misura in cui non viene fatta passare sotto il livello della coscienza; pena, il nichilismo, ovvero la convinzione che tutto sia tutto, il contrario di tutto e il nulla insieme (la cosiddetta dittatura di una società “mercificata”). Partiamo dal concetto di “verità”, ogni individuo possiede la sua, tante verità quanti individui, un problema però emerge; senza una “base comune” non ci può essere un adeguato discorso democratico. Oggi in politica “si grida” (destra, centro e sinistra..), non si dialoga, si avverte confusione e forse anche un pò di panico perchè la società cambia, ma i nostri politici rimangono lì, fermi nelle loro idee, incapaci di reggere al cambiamento. Pochi hanno il coraggio di un riferimento forte a quella “bibbia civica” che è la nostra Costituzione, ove l’ambiente insieme al lavoro e all’uguaglianza sembra esserne uno dei principi capisaldi. Certo, anche la Costituzione può essere modificata, ma sempre nel rispetto di alcuni suoi principi basilari (così come i territori; nello specifico le riserve della biosfera MAB-tra cui appunto quella del Parco del Ticino-che hanno appunto il compito di pensare a sviluppo e tutela insieme). Ultima considerazione; premesso che le idee (o meglio gli ideali) non sono merci, possiamo pensare che, la democrazia in quanto “gioco a somma zero”, imponga ad entrambe le parti un confronto sereno (anche laddove ci si trovi di fronte a chi sembra essere ben lontano dalla nostra fonte “costituzionale” che tutela paesaggi, comunità e minoranze etnico-linguistiche e, quindi ancora una volta “paesagggi culturali”). Questo abbiamo imparato e a chi a volte sembra additarci come “movimento politicizzato” rispondiamo: “noi parliamo il linguaggio di tutti, la “base” che è in ciascuno di noi, nonostante tutte le differenze che sono tante quante le nostre infinite diversità!!!” Buon augurio di buon anno a tutti!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: