VIVA VIA GAGGIO

Oggi, nonostante i comuni del CUV abbiano all’unanimità richiesto la VAS (valutazione di impatto ambientale strategico) la Regione ha detto “no!”. Siamo di fronte ad uno scempio annunciato e, benchè la gente sia per la maggioranza contraria, il clima fa pensare a “tanto la fanno!”. E’ una vittoria di una concezione della politica come “insieme di interessi specifici o di parte” che per nulla tiene in considerazione la gente e il suo cuore. Passano messaggi omologanti che favoriscono un pensiero “convergente” e poco “critico”; manca in molti l’energia di dire un no forte. Noi sappiamo che un tempo la politica doveva confrontarsi con le piazze che, pacificamente, chiedevano ascolto da parte di chi teneva le redini del potere; oggi sembra che molti preferiscano stare a casa e lasciarla fare ad altri la politica. Via Gaggio è nata con questo scopo, far conoscere Via Gaggio, informare e dare speranza…In poche parole stare vicino al nostro paziente “sano” condannato a morte. Sembra assurdo poter pensare a questa “morte annunciata”, e il compito di noi tutti gaggionauti e di far percepire un “barlume” di speranza. Via Gaggio deve rimanere, e noi faremo del nostro meglio, per evitare che un posto così bello venga cancellato per pure speculazioni, o per un’idea di capitalismo da ottocento (nella quale però molti – anche se non tutti – tra quelli che ci governano ancora credono). Il nostro pianeta ci sostiene, ed è giusto e bello poterne “provocare” (in senso heideggeriano) il fondo infinito per trarne “profitto” (scoprirne potenzialità nascoste attraverso un uso “disvelante” della tecnica). Il nostro pianeta va però amato, nella sua ricchezza animale e vegetale, e un capitalismo “etico” (per quanto di fatto i due termini siano ossimorici) deve valutare l’impatto di ogni azione sull’ecosistema. A detta di molti è un aspetto “folle” della nostra cultura occidentale pensare di poter (metaforicamente) recidere il legame che unisce una pianta al terreno da cui prende vita, senza valutarne gli effetti in termini “complessivi”. Un esempio più efficace ci è dato dalla questione stessa della contestata “terza pista” di Malpensa. Noi tutti sappiamo (e in questo caso mi rifaccio ad un’autorevole documentazione sulla questione) che una VAS ha un compito difficile e complesso; in temini puramente fattuali si può “forse” fare spazio ad una terza pista e polo logistico in Via Gaggio. Questo però da un punto di vista di una VIA addomesticata, una procedura fatta ad hoc per Malpensa e i suoi interessi. Una VAS seria, d’altro canto, dovrebbe dare una valutazione del disagio complessivo sofferto dal territorio (ed è per questo che in regione sia stata bocciata). Tutti sanno la gravità della situazione, ma pochi aspettano il dopo con la favola dei tanti posti di lavoroe opportunità per tutti. Così non è, lo dicono gli esperti, si tratta di speculazioni immobiliari che verranno fatte per interessi di pochi, quindi senza un vero e proprio “beneficio economico” per le comunità. Forse riusciremo nell’intento, ma forse no, forse prevarranno forze ostili ad un senso più etico del fare politica; non nascondo che in questo caso la perdita in termini ambientali ed umani sarà fortissima; spero però, come tutti credo, che anche nella più sciagurata delle ipotesi, un germe di speranza il popolo dei gaggionauti l’avrà instillato nella gente per cui; “mai più scempi!!!”. Si tratta però dello scenario più nefasto; per il momento Via Gaggio ha bisogno di noi, le storie in essa depositate ci chiedono di non essere cancellate; i coniglietti e tutti gli animali vogliono continuare a vivere in questo paradiso. A qualcuno l’ambiente sembra fare paura, o meglio il mondo naturale perchè non si lascia totalmente “schematizzare” in termini di “come potenziare il profitto con il minor aggravio di costi possibile?”; il mondo naturale ci rimanda ai nostri limiti e ci chiede rispetto. E’ però un limite necessario per creare comunità sane in territori sani e poi….lo dicevano i nostri vecchi (la cui saggezza è proverbiale) finchè c’è vita, c’è speranza..e chissà forse Via Gaggio non morirà.

Annunci

One response to this post.

  1. Posted by giani angelo on 29 luglio 2010 at 2:37 pm

    Di fronte alla posizione della Regione non si può che esprimere grande indignazione.
    Non riesco a capire se queste decisioni sono frutto di non conoscenza delle normative, oppure se per ostinata spregiudicatezza.
    Si, perché mi pare che decidono sulla nostra vita senza pensare che ci sono delle regole da osservare e quindi pretendiamo che siano rispettate.
    Se fosse per la prima ipotesi,allora gliele ricordiamo, per la seconda ……..vediamo.
    Cosa dicono le regole?
    La terza pista è un manufatto compreso nel Piano Industriale SEA 2009/2015.
    La direttiva 2001/42/CE stabilisce che tutti i Piani e i programmi che potrebbero avere effetti significativi su: l’ambiente, la popolazione, la salute umana, la flora, la fauna, l’acqua, l’aria, il patrimonio culturale, architettonico, archeologico, ecc. devono essere sottoposti a VAS partendo dall’analisi dello stato attuale dell’ambiente.
    Siccome l’impatto investe 2 Regioni, la VAS la deve fare lo Stato.
    Il manufatto (terza pista) non può essere estrapolato da un Piano e sottoporlo a VIA quando detto Piano non si sa ancora se supera l’esame della VAS.
    Se lo dovessero fare sarebbe un illecito.
    Poi siamo anche stufi di sentire dai politici (tutti) lo slogan “sviluppo compatibile con l’ambiente” . quando si sa che il nostro territorio classificato dalla Regione in zona di risanamento, perché l’aria che respiriamo è tra le peggiori d’Italia e non e tollerabile perché la nostra salute è a rischio.
    I signori politici ci devono dire se intendono, darsi da fare, si o no, per risanare questo territorio, come e quando. Altrimenti non sono più credibili!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: