AMARCORD

A volte capita, che una serata del Comitato VIVA VIA GAGGIO, diventi l’occasione per ricordare i tempi della mia infanzia. Questo è accaduto lo scorso lunedì, quando Carlo Chinetti mi ha portato uno dei cartelloni “storici” realizzati dal Coordinamento dei Comitati di Lotta contro l’Ampliamento di Malpensa. Era uno di quei cartelloni che avevo visto da bambino, quando la casa dei miei nonni durante la fine degli anni 70 e gli inizi degli anni 80 era spesso utilizzata come base logistica per queste riunioni.

Il manifesto è famoso per essere passato alla storia come un simbolo importante, un simbolo a cui i cittadini di Tornavento sono particolarmente legati: è il famoso manifesto con l’aereo con gli artigli, da molti ancora oggi richiamato e ricordato.

Era un simbolo che univa, c’è chi ancora lo ricorda sul muro della Casa Parrocchiale di Tornavento, in Piazza PARRAVICINO…altro luogo simbolo per quei tempi: la casa del prete.

Ora quel manifesto, l’ho appeso in camera, è un cimelio, è un pezzo di storia , è un documento importante con un grande valore affettivo. Ma è anche un monito che ci serve per continuare in questa nostra battaglia, proprio perchè “…siamo convinti di dover lottare non per aver qualcosa che non ci appartiene, ma per tutelare il diritto, sacro ed inviolabile, di poter continuare a vivere una vita civile”.

Annunci

One response to this post.

  1. Posted by Balice Nicola on 11 luglio 2010 at 5:40 pm

    Siamo a circa trent’anni di distanza da quando il Parco del Ticino è nato; molti comitati si sono succeduti, molte battaglie fatte e alcune vinte; sappiamo da esperti conoscitori del Parco che quest’area verde sopravvive ai margini di un’area fortemente urbanizzata; l’aea milanese, grazie all’azione di volontari che negli anni hanno riqualificato aree e rinaturalizzato alte degradate. Così il Parco è il simbolo dello sviluppo “ecosostenibile”, un eden ben poco incontaminato ma assai ricco di biodiversità. Vincere la sfida significa in questo “parco in trincea” ripensare lo sviluppo, renderlo più umano, dargli una dimensione etica, legarlo ad interessi collettivi e non di parte. Sembrerebbe che un buon lavoro (nonostante i problemi di Malpensa 2000 e di un consumo di territorio molto forte in certe aree del parco) sia stato fatto. Noi sappiamo però che in materia di “ecosostenibilità la vittoria non è mai data una volta per tutte, è un cofronto continuo ta forze diverse, un riconoscere come prioritari certi valori (il diritto al paesaggio, ad una vita civile in una comunità sana) e a partire da questi ripensare il concetto stesso di “sviluppo”. Noi sappiamo che il vero sviluppo non è solo la crescita di pil o altri dati che nulla dicono se non per la malafede di chi li leggi (ad es. che Malpensa sta crescendo. Ebbene tutto questo è in pericolo, qualcuno ha deciso che è venuto il momento di porre una parola fine a questo continuo sforzo di armonizzare le forze produttive con il concetto stesso di parco; ecco la “grande speculazione immobiliae” della terza pista con annesso polo logistico e magari chissà quanti centri commerciali…E’ come voler tutelare un’area a termine fin quando poteri forti possono – di quest’area – farne a meno per arricchirsi o fare i loro affari. Questo però è contro il concetto stesso di parco, è il fallimento della vera politica, di quella politica che di fronte ad una “certa Realpolitik” si chiede, ma è possibile una utopia? E non stiamo parlando di utopie ingenue o sciocche ma di una grande sfida. Se è veo che l'”uomo” è egoista e venale, violento e pusillanime, egli/lei è anche eroico/a, generoso/a, capace di gandi atti e di grandi sfide. Guardiamo pure in basso ai nostri difetti senza farci illusioni e pensare ad un mondo perfetto, ma guardiamo anche ad un’umanità riflesso di una coscienza divina (come la definiva Hegel) che è capace di piccoli ma al tempo stesso grandi eroismi. Forse non ci crediamo pienamente ma i nostri piccoli sogni possono diventae realtà e tutt’insieme cambiare il mondo.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: